sabato 13 novembre 2010

Insalata feta e melagrana


Questa invitante insalata d'autunno che ha proposto Elena  la preparo molto spesso, anche se siamo soliti aggiungere foglioline di spinaci freschi e qualche fettina di mela verde..
Ma ci piace anche così: insalata, rucola, qualche foglia di radicchio rosso, mela rossa biologica ben lavata ma non sbucciata tagliata a fettine, melagrana e feta sbriciolata sopra. Condisco con olio extravergine di oliva sale, pepe e un po' di aceto di mele.


venerdì 12 novembre 2010

Aiutiamo il Veneto


Cari amici-che innanzi tutto mi dispiace se in questi giorni sono un po' assente dalle vostre cucine ma ho impegni che non mi lasciano tempo a disposizione. Nel week end cercherò di venire a trovarvi tutte!!
La foto che vedete, l'ho scelta per farvi conoscere un importante iniziativa di solidarietà. L'immagine che ammirate mostra un paesaggio che domani potrebbe essere totalmente cambiato.
In quella conca che vedete (tra un monte e l'altro delle Piccole Dolomiti che abbracciano il paese di Recoaro Terme) che viene chiamata "Rotolon" perchè rotola, è franosa, nasce il torrente Agno. In questi giorni la zona è monitorata 24 ore su 24 perché, leggo sul giornale online, in alto si è aperta una frattura di un metro. Perciò sta scivolando un gran pezzo di monte  a valle, verso alcune contrade del paese. Superfluo dire che spero ciò non accada!!

Ma l'emergenza più grave adesso è per le persone che hanno perso ogni cosa a causa dell'alluvione perciò per favore facciamo girare questo appello, Grazie un abbraccio grande!

Intestatario del conto corrente messo a disposizione per la raccolta di fondi per gli alluvionati è la REGIONE DEL VENETO, Dorsoduro 3901, 30123 Venezia.

Qui di seguito i dati completi per poter effettuare il bonifico bancario:
IBAN: IT 62 D 02008 02017 000101116078, Banca Unicredit,
Intestatario: REGIONE DEL VENETO, Dorsoduro 3901, 30123 Venezia
Causale: "Emergenza alluvione novembre 2010" 
Ricordo che è possibile aderire all'iniziativa anche inviando un sms al numero 45501 ( 2€)

martedì 9 novembre 2010

Biscotti di Natale: Melomakarona

 
Kàlanda viene chiamata una tradizione greca che trova le sue radici sin dai tempi antichi. Che cos'è? La vigilia di Natale e l'ultimo giorno dell'anno, grandi  e piccini vanno di casa in casa suonando il trigono, un semplicissimo strumento musicale di acciaio a forma di triangolo che viene battuto con un'astina producendo un suono di campanellini! Accompagnano la musica canzoni tradizionali per Natale e di buon auspicio per l'anno nuovo!

Ho trovato questo video, il trigono si vede solo in un disegno, ma sentirete una delle canzoni, credo la più famosa! Gli ingredienti come sempre sono da "pesare" con il solito bicchiere di nutella! La ricetta è tratta dai vari bigliettini scritti a mano di mia suocera; per questo motivo non saprei nemmeno chi è l'autore!

Melomakarona:

3 bicchieri di olio extravergine di oliva
1 bicchiere di succo d'arancia
1 bicchiere di zucchero
1/2 bicchiere di cognac
1 uovo intero più un tuorlo
1 cucchiaio di cannella
1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
1 cucchiaino da the bicarbonato di sodio
1 bustina di lievito in polvere
buccia grattugiata di un'arancia
farina per dolci quanto basta ( da 1000-1100 gr. o più)
un pizzico di sale

per lo sciroppo:

2 bicchieri di acqua
2 bicchieri di zucchero
1 bicchiere di miele di ottima qualità
qualche goccia di limone
* potrebbe servirvi più acqua e più miele

per guarnire

noci tritate


Mescolare con la frusta gli ingredienti liquidi quindi aggiungere le uova e lo zucchero. Incorporare la farina setacciata con il lievito ed il bicarbonato e poi il resto degli ingredienti. Unire tanta farina quanto basta per ottenere come una pasta frolla un po' più morbida. Modellare con le mani delle palline, non troppo grandi, schiacciarle un po' dando forma ovale e con la forchetta imprimere delle righe trasversali.
Infornare per 20- 25 minuti a 180°.  A cottura ultimata togliere dal forno e lasciare intiepidire. Nel frattempo bollire per qualche minuto lo sciroppo e, tenendolo sempre a bollitura media, immergere 3-4 biscotti alla volta ritirandoli quasi subito. Dopo 10 minuti rimettere sul fuoco la casseruola con lo sciroppo e se è troppo denso o consumato aggiungere * miele e un po' d'acqua. Ripetere la stessa operazione di prima immergendo i biscotti, lasciandoli dentro per qualche secondo facendo sempre  attenzione che non si addensi troppo lo sciroppo altrimenti ve lo ritroverete cristallizzato. Ci sono diversi modi di presentare i melomakarona. Alcuni li dispongono su un piatto da dolci a mo' di piramide e li guarniscono con lo sciroppo rimasto e le noci, altri come noi  che preferiamo metterli in una terrina o un porta dolci come vedete nella foto. In questo modo i biscotti che si trovano sotto vengono mangiati per primi e sono intrisi di sciroppo...ve lo devo dire?? Una bontà!!

Con questa ricetta partecipo alla mia raccolta ;)) vi aspetto in tanti!!
e alla raccolta di Antonella


domenica 7 novembre 2010

Pollo con quadrucci di pasta: Kotopoulo me chilopites


Dalle mie parti venete, spero tantissimo che smetta di piovere lì perché sono molto preoccupata,  si dice che il tempo fa quello che vuole perché è rimasto da sposare...Qui in Grecia vale lo stesso proverbio perché dopo averci illuso con pioggia e temperature da zuppa, da un paio di giorni è ritornato il caldo! Ma un caldo che si potrebbe andare in spiaggia a prendere il sole e fare il bagno!
Io però, sono in attesa dell'inverno e ho "infreddolito" l'intestazione del blog...vi piace?

Questo tipo di pasta se non mi sbaglio è facile trovarla anche nei negozi italiani, io la preparo fresca con la stessa sfoglia per le tagliatelle e poi la taglio "quasi" a quadrucci. E' un ottimo pasto unico che potete accompagnare con dell'insalatina condita con olio e limone.

Ingredienti per 4 persone

4 porzioni di pollo
250-300 gr di passata di pomodoro
1 cipolla e aglio quantità preferita
1 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
1-2 foglie di alloro
basilico
sale e pepe
½ tazza di olio extravergine
acqua o brodo quanto basta
350-400 gr di pasta tipo quadrucci

In una casseruola rosolare il pollo a pezzi nell'olio. Non appena prende colore aggiungere al cipolla e l'aglio tritati fini. Lasciare imbiondire per qualche secondo quindi bagnare col vino bianco. Fare evaporare.
Sale e pepe. Aggiungere il resto degli ingredienti, poi brodo o acqua calda e lasciar cuocere per circa 1 e 30 minuti. Se preferite seguire la ricetta tradizionale, unite i quadrucci prima della fine della cottura con l'aggiunta di un po' di brodo o acqua. Oppure cuoceteli come una normale pasta e conditela con il sugo che si sarà formato, ed il pezzo di pollo.

Ciclamini

Tramonto ad Atene

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails